Molte persone preferiscono svapare l’erba piuttosto che fumarla. Spesso l’erba già svapata (‘ABV’) viene semplicemente gettata via. Quello che molti non capiscono è che l’erba svapata contiene ancora cannabinoidi e terpeni. Continuate a leggere per scoprire alcuni dei modi in cui potete fare buon uso dell’erba ABV.

Cos’è l’ABV o AVB?

Alcune persone si riferiscono a ABV “Already Been Vaped”, mentre altri si riferiscono a AVB “Already Vaped Bud”. Sia che la chiamiate AVB o ABV, probabilmente noterete che ha un aspetto diverso dopo averla svapata. Il colore può essere cambiato da verde a marrone, ma questo non significa che non abbia altri usi.

L’aroma del bud già svapato è sostanzialmente diverso da quello dell’erba appena macinata. L’ABV/AVB non avrà lo stesso ricco aroma dell’erba fresca, ma potresti ancora essere in grado di distinguere alcuni terpeni che sono sopravvissuti al processo di svapo. Tuttavia, se provate a fumare il vostro bud svapato potreste notare un sapore amaro.

avb

Quanto THC c’è nell’ABV?

Quanto THC rimane nel tuo bud già svapato dipende da tre cose.

In primo luogo, la temperatura del tuo vaporizzatore è importante. Se svapi ad una temperatura più bassa è probabile che ci siano più cannabinoidi residui nell’ABV che se svapi ad una temperatura più alta.

La seconda variabile è per quanto tempo svapi. Se la tua sessione di svapo è breve, è probabile che il tuo ABV/AVB sia più alto in cannabinoidi rispetto all’ABV di lunghe sessioni di svapo.

La considerazione finale è quanto THC era originariamente nella tua erba. Se siete stati abbastanza fortunati da fumare una varietà con circa il 25% di THC, come l’Auto Cinderella Jack, allora avrete probabilmente livelli di THC residuo più alti nel vostro ABV rispetto a quelli che otterreste da una varietà con THC inferiore.

Con così tante variabili è difficile dire con precisione quanto THC c’è nella vostra erba già svapata. Ma alcuni studi hanno dimostrato che oltre un terzo del THC originale può rimanere nella vostra erba AVB. Il feedback aneddotico dei fan dell’AVB suggerisce che non è così alto e che può rimanere solo il 10%-20% del THC originale. Il miglior consiglio per chiunque usi l’erba AVB è quello di essere cauti nel testare i prodotti finali, nel caso in cui siano più forti di quanto si pensi.

Se doveste rollare uno spinello e provare a fumare l’AVB, probabilmente notereste un sapore amaro e un effetto leggero.

Come usare l’erba già svapata

La tua erba ABV potrebbe non essere così forte come lo era prima che tu la svapassi. Ma contiene ancora utili cannabinoidi che possono essere messi a frutto. Invece di buttare via la tua erba ABV, perché non raccoglierla e concederti un bonus? Qui sotto ci sono alcuni dei modi più popolari per riciclare la tua erba AVB.

Edibles  ABV

Un fatto importante sull’erba ABV è che è già stata decarbossilata. Ciò significa che può essere mangiata/consumata senza bisogno di riscaldarla, il THC è già biodisponibile e psicoattivo. L’erba fresca, non vaporizzata, non è decarbossilata e quindi non ti farà sballare se la mangi.

Il processo di decarbossilazione è necessario per ottenere uno sballo psicoattivo. Quando svapi o fumi erba, la decarbossilazione avviene automaticamente a causa del calore coinvolto. Quando si mangia l’erba, normalmente bisogna riscaldarla per decarbossilarla e renderla psicoattiva.

Dato che il bud già svapato è decarbossilato, potresti semplicemente spruzzarlo sul cibo. Tuttavia questo potrebbe non essere molto gustoso o attraente. Così molti preferiscono cercare di estrarre i cannabinoidi sciogliendoli in oli/grassi nel modo usuale e usarli per il vostro commestibile ABV preferito, per esempio i brownies Abv.

Una rapida ricerca su internet vi permetterà di trovare alcune ricette Avb. Nota che puoi facilmente fare il burro Avb (o l’olio di cocco Avb) dalla tua erba svapata, questo può essere incorporato nella tua ricetta Abv.

Come fare commestibili con l’erba svapata facilmente e velocemente

Uno dei modi più semplici per usare l’erba AVB è fare dei toast con un generoso strato di burro d’arachidi, marmellata o Nutella. Cospargete semplicemente la vostra erba AVB su di essa e godetevela. Oppure, se non vi dispiace un po’ di sfida, potreste prepararvi una torta spaziale usando il burro AVB.

Curare con l’acqua i tuoi germogli svapati

Sbarazzarsi del sapore amaro dell’erba ABV può essere fatto con il water curing. Questo si basa sul fatto che il THC non è solubile in acqua, ma il sapore amaro è solubile in acqua. Per curare l’erba AVB basta prendere un po’ di cheesecloth e avvolgere l’erba ABV in una palla di cheesecloth, e legarla chiusa. Poi immergi la tua erba ABV in una tazza d’acqua e lasciala per diversi giorni. Una settimana dovrebbe essere sufficiente.

Noterete che i colori marroni saranno passati dall’erba AVB all’acqua. Rimuovere il gomitolo di cheesecloth di erba AVB e strizzarlo. Poi asciugare all’aria l’erba ABV curata in acqua. Oppure, se avete fretta, usate una teglia in un forno a 75-90ºC per un paio d’ore. I cannabinoidi sono insolubili in acqua e sono quindi ancora presenti nell’erba AVB, ma il brutto sapore amaro è stato rimosso grazie alla cura in acqua. Potete usare la vostra erba ABV curata in acqua per fumare o per cucinare.

Il burro di cannabis ABV e gli oli

Ricorda che non è necessario decarbossilare l’erba AVB. Il tuo vaporizzatore si è già occupato di questo. Quindi tutto quello che devi fare è ABC-Ai della tua erba AVB nell’olio o nel burro.

Usate i metodi normali per questo. Di solito l’erba AVB viene aggiunta a una pentola che contiene acqua bollente e burro (o olio). Dopo 2-4 ore di bollitura (fate attenzione che non si secchi) i cannabinoidi si saranno sciolti preferibilmente nel burro/olio. Il cannabutter (o l’olio contenente cannabis) può quindi essere usato per cucinare nei modi normali. Ma si noti che la potenza del burro di canna ABV sarà solo una frazione della potenza del burro di canna fatto con cannabis fresca.

L’olio di cocco è popolare tra coloro che producono olio di cannabis o olio di erba ABV. E’ facile da comprare nella maggior parte dei supermercati ed è facilmente assorbito dal corpo.

Ricetta del cannabutter ABV

Di solito ci vuole un po’ di tempo per raccogliere una quantità ragionevole di bud già svapati. Poiché è molto meno potente del bud fresco, non abbiate paura di usarne molto. Usate una tazza di acqua e una tazza di burro, scaldatele in una padella. Aggiungi una tazza di erba ABV, mescola e fai cuocere a fuoco lento. Il THC è già decarbossilato e psicoattivo. Far sobbollire permette semplicemente al THC solubile in olio di dissolversi preferibilmente nel burro/olio. Dopo un paio d’ore, filtrare attraverso un panno e lasciare raffreddare in frigorifero. Il giorno seguente il burro/olio si sarà indurito e potrà essere rimosso e usato nella vostra cucina, nei cibi da mangiare o nei toast!

Mangiare l’erba svapata

Alla maggior parte delle persone piace fare un olio o un burro dalla loro erba svapata. Ma puoi semplicemente mangiarla se lo desideri. Ricorda che il vaporizzatore ha decarbossilato la tua erba AVB. Quindi puoi semplicemente aggiungere l’erba svapata alla tua ricetta e godertela. Alcune persone preferiscono usare un processo di essiccazione in acqua per rimuovere qualsiasi retrogusto amaro che può essere presente con l’erba già svapata.

Quanta erba già svapata si può mangiare?

Molto dipende dalla vostra tolleranza personale e dalla quantità di cannabinoidi residui che rimangono nei bud già svapati. Se si presume che l’erba “media” contenga circa il 15% di THC, allora forse l’erba ABV sarà probabilmente più vicina al 3-4% di THC (o anche meno). L’erba ABV contiene cannabinoidi, ma molto meno dell’erba fresca.

Se sapete quanta cannabis fresca decarbossilata potreste consumare, potreste probabilmente consumare in sicurezza forse 5 volte la quantità di erba già svapata. Tuttavia, la sicurezza deve davvero venire al primo posto con i commestibili. Questo perché ci possono volere diverse ore prima che lo sballo raggiunga l’apice, quindi è importante non indulgere troppo all’inizio. Testate piccoli campioni, capite i vostri limiti di potenza e rispettateli.

Capsule ABV

Un modo semplice per consumare i tuoi bud già svapati è semplicemente metterli in capsule vuote e inghiottirli con una bevanda. Le capsule vuote sono facili da comprare online o nel vostro negozio locale di alimenti naturali. Puoi comprare capsule di gelatina o equivalenti vegane. Dato che la tua erba ABV è già decarbossilata, tutto quello che devi fare è riempire le capsule e ingoiarle!

Dosaggio delle capsule di erba già svapata

La tolleranza alla cannabis può, e lo fa, variare selvaggiamente da una persona all’altra. Questo rende difficile, e forse irresponsabile, cercare di raccomandare i dosaggi delle capsule di erba ABV. Oltre all’incertezza sulla tolleranza ci sono ulteriori incertezze sui livelli di THC nel tuo avb.

Tinture di erba ABV

Se fai un po’ di olio di cannabis dalla tua erba ABV potresti metterlo in una bottiglia contagocce e usarlo come tintura Avb. Questo ti permette di mettere un paio di gocce in bocca in modo discreto dalla tua bottiglia contagocce ogni volta che ne hai bisogno.

Tè o caffè AVB

Alcune persone usano la loro erba AVB nel tè e nel caffè. Per il caffè Abv, una ricetta è quella di scaldare al microonde un paio di cucchiaini di erba AVB nel latte. Riscaldando, riscaldando e mescolando l’erba ABV e il latte si permette ai cannabinoidi di trasferirsi dall’erba ABV nei composti grassi del latte (ricordate, i cannabinoidi sono solubili in olio e grasso).

Puoi versare il latte caldo attraverso il filtro del caffè nel tuo caffè e godere. Il caffè ABV è particolarmente gustoso e l’aroma sembra ricordare un caffè olandese.

Puoi fumare l’erba già svapata?

Sì, ma si può notare che l’erba AVB non ha affatto la stessa dolcezza e lo stesso sapore dell’erba fresca. Questo è il motivo per cui molte persone amano trattare la loro erba ABV in acqua per alcuni giorni prima di fumarla.

Anche allora, il fumo non sarà potente come quello dei bud freschi non svapati. Ricordate che la maggior parte del THC e degli altri cannabinoidi possono essere stati usati durante lo svapo iniziale dell’erba. Ma forse lo sballo meno potente dell’erba Avb può essere utile per usarla all’inizio della giornata, quando non si vuole sballare troppo.

Speriamo che queste idee per il riutilizzo della tua erba già svapata ti siano utili! Invece di buttare via il tuo bud svapato, potresti provare a raccoglierlo e riciclarlo. Buona fortuna!


VAPORIZZARE LA CANNABIS
Mentre i vaporizzatori per erbe sono spesso usati per vaporizzare oli e fiori per l’aromaterapia, sono sempre più usati per vaporizzare la cannabis (marihuana/erba).

Ci sono diverse ragioni per questo, che discuteremo di seguito.

Uso medicinale

La cannabis è ampiamente utilizzata (e prescritta) per alleviare il dolore, tra le altre applicazioni.

Molti medici raccomandano un vaporizzatore per somministrare la cannabis medicinale, perché elimina il danno ai polmoni che si verifica quando la cannabis viene fumata.

Un’altra ragione è che la cannabis è più facile da dosare con l’aiuto di un vaporizzatore rispetto al fumo o all’ingestione orale.

Come vaporizzare la cannabis?

Praticamente tutti i vaporizzatori a base di erbe disponibili in commercio possono essere usati per vaporizzare la cannabis.

Tuttavia, è importante notare che alcuni vaporizzatori richiedono che l’erba sia macinata (finemente) prima di poterla vaporizzare.

Questo può essere ottenuto con l’aiuto di un macinino per erbe.

Inoltre, la struttura e il contenuto di umidità giocano un ruolo importante nella qualità del vapore che viene prodotto.

La maggior parte dei vaporizzatori vaporizzerà qualsiasi tipo di erba, sia secca che fresca, ma con alcuni tipi di vaporizzatori aiuta a macinare l’erba in particelle fini.

Il manuale d’istruzioni del vostro vaporizzatore dovrebbe contenere informazioni su questo.

Inoltre, è saggio non impacchettare l’erba troppo stretta, perché potrebbe bloccare il flusso d’aria e far diventare la cannabis troppo calda o addirittura causare la combustione.

Poiché la vaporizzazione è molto più efficiente del fumo, l’erba può essere usata fino a quando il bud non ha assunto un colore marroncino.

Alcune persone preferiscono usare questo materiale di scarto (spesso chiamato “ABV” – Already Been Vaped) per preparare il burro di cannabis, perché contiene ancora una piccola quantità di sostanze psicoattive.

Vaporizzare i concentrati

Quando si tratta di vaporizzare concentrati (si pensi a budder, BHO, hashish, Ice-o-lator), un vaporizzatore (a penna) è una buona scelta.

È ancora più efficace che fumare attraverso un bong o dabbing.

Basta essere consapevoli che la vaporizzazione di un singolo colpo di concentrato potente sarà molto più potente (e anche più liscia sulla gola) che fumarla!

Molte penne vaporizzatrici sono progettate per essere usate solo con i concentrati, ma prima dell’uso assicurati che possano essere usate con il tuo concentrato preferito.

Molti vaporizzatori a penna sono compatibili solo con i concentrati “full melt hashish”, il che significa che non potrete usarli con l’hashish tradizionale (pressato).

La loro efficienza è comunque impareggiabile, perché rispetto alle erbe, solo una piccola area di contatto deve essere riscaldata, risparmiando così il tempo della batteria e le dimensioni del dispositivo.

A causa delle loro piccole dimensioni, le vape pen sono anche il perfetto compagno di viaggio.

Possiedi già un vaporizzatore plug-in ma vuoi vaporizzare i concentrati?

Molti produttori di popolari vaporizzatori da tavolo (Volcano, Arizer) offrono adattatori separati o speciali “pastiglie di liquido” per gestire i concentrati.

Furtivi

Un’altra ragione per cui i vaporizzatori stanno guadagnando popolarità tra i consumatori di cannabis può essere attribuita all’aspetto furtivo di un vaporizzatore.

Il vapore non puzza come la cannabis bruciata, e con molti vaporizzatori portatili che stanno nel palmo della mano (come l’MFLB) possono essere usati in una varietà di aree pubbliche, dove altrimenti sarebbe impossibile medicare.

Nella maggior parte dei casi, è più probabile che l’odore della scorta di cannabis venga notato dagli altri che il vapore stesso.

Anche la densità del vapore gioca un ruolo importante nell’odore che emana.

Colpi più piccoli emanano meno odore e non permangono troppo a lungo, mentre una grande nuvola di vapore è più probabile che venga notata.

Temperatura di vaporizzazione della cannabis ed effetto

La temperatura ottimale di vaporizzazione della cannabis varia tra 365°F e 450°F (185-210 °C).

Le impostazioni di temperatura preferite possono variare da persona a persona, poiché temperature diverse possono influenzare le proprietà medicinali.

Si noti che non tutti i vaporizzatori possono essere controllati dalla temperatura e che alcune unità (poco costose) non sempre visualizzano accuratamente la temperatura di vaporizzazione corrente.

In generale, le temperature di vaporizzazione più basse (sotto i 374°F/190°C) danno un high più psicoattivo, mentre le temperature più alte (428°F/230°C) permettono un high corporeo più sedativo (o meglio, un effetto stoned/couch lock).

Naturalmente, sia la qualità che la varietà della cannabis usata hanno un grande impatto sugli effetti della vaporizzazione.


Un Grinder Thorinder è tanto bello quanto cattivo.

Siamo stati attratti a testare questo Grinder a causa del suo design sorprendente.

Dal punto di vista funzionale offre tutto ciò di cui ho bisogno in un Grinder, quindi eravamo ansiosi di scoprire se funzionava bene come sembra.

Spoiler: Eccede le Aspettative.

Thorinder: the god of grinding

Thorinder: il dio della macinazione

Prestazioni di Thorinder Mini Grinder

I denti affilati in alluminio anodizzato del Thorinder Mini non sono solo belli nei loro colori divertenti (blu, verde, argento, arancione e grigio), ma tritano anche le tue erbe in modo efficiente.

I fori a forma di fulmine possono sembrare una trovata, ma in realtà fanno un ottimo lavoro nell’assicurare che l’erba macinata che passa nella seconda camera sia abbastanza fine da essere usata nel tuo vaporizzatore preferito.

Thorinder: nice bud vs anodised aluminium teeth

La parte superiore è tenuta in posizione con un magnete.

Preferisco questo ad un o-ring che alcune altre marche usano.

È una soluzione più pulita.

Apritelo e metteteci dentro la cima che state per sacrificare.

Un mezzo grammo non è un problema per il Thorinder.

Con pochi giri il lavoro era fatto.

Siamo rimasti sinceramente impressionati dai risultati.

Era perfettamente macinata/trinciata.

Ho trovato che c’erano alcune briciole rimaste nella parte superiore, anche se erano state macinate ad una dimensione che sarebbe bene per il vaping.

Possono essere tolte e aggiunte alla miscela.

Per accedere all’erba tritata è necessario svitare il secondo strato.

Sembra che ci vogliano più giri per svitarlo di quanto ci aspettassimo.

Rispetto ad altri Grinder disponibili sul mercato , direi che ci vuole il doppio dei giri.

Questo significa che una volta macinata la vostra erba è bella e sicura – è molto improbabile che si apra accidentalmente.

Thorinder: l'erba risultante è perfetta per il vaping

Lo stesso si può dire per la base che contiene il keif che si accumula nel tempo regalandoti una bella sorpresa ogni tanto.

Non abbiamo potuto scoprire da nessuna parte quanti micron è la retina nella base.

Non che sia particolarmente importante, ma condividerlo nelle istruzioni o nelle informazioni online sarebbe forse di interesse per i nerd dell’erba come Noi .

Thorinder: Vorrei che condividessero i micron di quella garza

Thorinder Mini Grinder Rapporto qualità/prezzo

Un Grinder Thorinder è qualcosa di piuttosto speciale.

È lontano da un Grinder da viaggio da buttare via (il tipo che si porta a un festival o a una festa).

La presentazione e il prezzo riflettono questo.

Guardando la parte superiore mi ricorda un orologio di lusso.

Se vuoi qualcosa che sembra incredibile, sarebbe un grande punto di conversazione e funziona bene allora dovrai pagare.

Non ha un prezzo esorbitante, ma è più di quanto possa costare un Grinder medio.

Come regalo è perfetto, come regalo speciale per te stesso – beh, devi chiederti se te lo meriti? Se sei stato un buon fattone, allora perché no?

Thorinder: il regalo perfetto

Per il prezzo, è un peccato che non venga fornito con la sua piccola borsa da trasporto con coulisse. L’imballaggio è meraviglioso, ma non esattamente pratico per proteggerlo quando lo si butta nello zaino.

Thorinder Mini Grinder Qualità di costruzione

La Thorinder Mini che abbiamo testato ha un aspetto straordinario e sembra essere perfettamente realizzata.

Tutto si è adattato perfettamente e non ci sono bordi ruvidi.

Ad un’ispezione molto ravvicinata ho trovato alcune imperfezioni all’interno della base, ma questo è stato perché stavo davvero cercando – non è niente che sarebbe stato notato, per non parlare di sminuire la bellezza di questo Grinder.

Thorinder: in caso ti dimentichi quale modello hai comprato

Thorinder Mini Grinder Facilità d’uso

Un Grinder è sempre abbastanza semplice.

Thorinder si attiene alle funzionalità provate e testate a cui tutti noi siamo probabilmente abituati.

La parte superiore in plastica trasparente (sembra vetro) ti aiuta a vedere se quello che stai macinando è pronto o no.

Essendo di plastica sembra essere un po’ statico, quindi può attirare quelle fastidiose briciole di erbe nel tempo.

Dopo il primo utilizzo non sarà così bello come quando hai aperto la scatola di presentazione.

 Forse il vetro sarebbe meno statico?

Una volta tritata , la tua erba è al sicuro nella sezione avvitata che, come detto sopra, forse richiede qualche giro in più del necessario per aprirsi.

Ma ho trovato questo rassicurante piuttosto che fastidioso.

Manutenzione e pulizia del Thorinder Mini Grinder

Come per ogni Grinder, scoprirai che si incrosta di hashish che si crea inavvertitamente grazie alla pressione e al calore prodotti dall’azione della macinazione.

I luoghi tipici dove questo si accumula sono un design pulito, quindi la pulizia non dovrebbe essere difficile.

Un raschietto di plastica è fornito nella base per rimuovere qualsiasi accumulo di hashish senza danneggiare l’unità stessa.

Thorinder: quattro pezzi e uno strumento di pulizia

La parte più difficile da pulire sarà la parte superiore e qui sta la mia unica lamentela con il Thorinder Mini.

La finestra trasparente è di plastica.

Non ho problemi con il fatto che sia di plastica, dato che sembra essere di vetro.

Tuttavia, significa che non si può semplicemente far cadere la parte superiore nell’alcool ISO come si farebbe normalmente con qualcosa che è difficile da pulire.

Il che significa che spazzolare e raschiare con il raschietto a triangolo di plastica è il meglio che si possa fare.

Per arrivare al punto in cui questo sarà un problema ci vorrà un sacco di macinazione, quindi forse posso tornare e modificare questo tra un anno o giù di lì per vedere se è stato un problema reale – sospetto che non sarà un grosso problema

 Se la parte superiore fosse stata in vetro, sarebbe stata a prova di ISO e avrebbe ottenuto il massimo dei voti per la pulizia e la manutenzione.

È possibile acquistare pezzi di ricambio per il Grinder nel caso in cui si perda o si rompa qualcosa – il che è rassicurante.

Per chi va bene?

Persone che vaporizzano a casa o in un ambiente con altre persone degne di fiducia (i grinder sono facili da tenere in tasca e questo è particolarmente desiderabile).

L’erba finemente macinata è perfetta per le persone che usano un vaporizzatore (assicurati di non metterla troppo stretta nella camera di riscaldamento però).

È ideale per le persone che amano il rituale di vaporizzare la loro erba e sono alla ricerca dei migliori strumenti per migliorare questa esperienza.

Pros

  • perfectly ground results for vaping
  • always nice to see
  • Safe chambers for weed and keif
  • compact size

Cons

  • la finestra di plastica diventa statica e attira le briciole di erba
  • la finestra di plastica non può essere pulita con ISO
  • nessuna valigetta fornita