Piante : Errori da Principianti

Nessun commento ancora

Piante

Imparare a crescere

Ok, nessuno lo contesterà.

Imparare a crescere ha una curva di apprendimento iniziale molto ripida.

Ci sono un sacco di cose che un principiante deve imparare durante la sua prima coltivazione. Ecco una lista dei 10 errori più comuni che troviamo i nuovi coltivatori fanno.

Continuate a leggere e assicuratevi che la vostra prima coltivazione sia un successo!

1) Annaffiare troppo le piante

Piante

Le piante hanno bisogno di acqua. Il problema è che armati di questa informazione, e credendo che se un po’ di qualcosa va bene allora molto deve essere meglio, iniziano ad annaffiare le loro nuove piante troppo frequentemente. Questo è particolarmente grave quando sono in vaso in un mezzo che trattiene l’acqua, come la terra.

Sì, le piante ne hanno bisogno, ma anche le radici hanno bisogno di ossigeno. Annegare le radici non solo le priva di ossigeno, ma crea anche le condizioni ideali per il marciume radicale.

Lasciate che le radici della vostra pianta ricevano l’ossigeno di cui hanno bisogno ed evitate il temuto marciume radicale facendo asciugare un po’ il terreno tra un’annaffiatura e l’altra. Questo è meno importante per la coltura idroponica in ciottoli di argilla, ma in terra le vostre piante non dovrebbero avere bisogno di annaffiature troppo frequenti per cominciare.

Puoi giudicare quanto è bagnato il terreno con una cosa chiamata test del peso. Impara quanto sono pesanti i tuoi vasi di terra quando sono bagnati, e anche quanto sono pesanti quando sono un po’ asciutti. Innaffia solo quando i vasi diventano più leggeri. Ovviamente, non lasciare mai che il terreno si asciughi completamente.

2) Troppo o troppo poco mangime

Piante

Le piante hanno bisogno di cibo per le piante, ma come l’acqua, troppo può essere peggio che troppo poco. Una pianta sovralimentata si ammala molto rapidamente e può anche morire. Assicuratevi di somministrare la quantità corretta di nutrimento usando un programma di alimentazione progettato per la marca di nutrienti che state usando e per il substrato in cui state coltivando.

3) Mettere le luci troppo alte o troppo basse

Le piante amano molta luce, ma è fondamentale capire le luci che stai usando e metterle a un’altezza appropriata.

La maggior parte delle persone userà una lampada di tipo fluorescente o LED grow light per coltivare le piante. L’intensità delle lampade fluorescenti non è molto alta, e l’emissione di calore non è troppo male. Per ottenere l’effetto migliore da loro hanno bisogno di essere abbastanza vicino alle cime delle piante – a circa 6 pollici o giù di lì di solito darà buoni risultati.

Quando si tratta di passare alla fioritura o alla fruttificazione, la maggior parte dei coltivatori passa dalle luci fluorescenti a una lampada di tipo HID, di solito una HPS (High Pressure Sodium). Le piante hanno bisogno di qualche giorno per adattarsi al nuovo spettro di colori della nuova luce molto luminosa.

Sii gentile con loro e avvia la tua lampada HPS a circa 3 piedi di distanza dalle cime delle piante. Questo può essere ridotto a circa 18 pollici (lampada da 400 Watt) o 24 pollici (lampada da 600 Watt) abbassando la lampada di qualche centimetro ogni giorno. Non dimenticare che le tue piante cresceranno anche verso l’alto per incontrare la lampada allo stesso tempo! Avvicinare troppo la lampada a una pianta causerà inevitabilmente problemi di calore e forse bruciature, con il risultato di avere piante molto infelici!

4) Temperatura dell’aria troppo calda o troppo fredda

La maggior parte delle piante ha bisogno di una temperatura superiore a 15C per crescere. Al di sotto di questa temperatura si bloccano (smettono di crescere). La temperatura massima per la maggior parte delle piante è generalmente di circa 28C. Cercate di mantenere la temperatura dell’aria entro i 20-25C durante la coltivazione e assicuratevi che le cime non superino mai i 28C durante la fioritura/fruttificazione quando avete un HPS sopra di loro.

Oltre ad un decente termometro ad aria e misuratore di umidità relativa, una grande idea è quella di utilizzare un termometro a infrarossi da tasca per controllare la temperatura delle foglie.

5) Estrazione inadeguata

Questo è un classico errore da principianti. Le persone alle prime armi con la coltivazione spesso credono che se la caveranno bene se lesinano sul sistema di estrazione. Alcune persone cercano addirittura di iniziare a coltivare senza averne uno!

Le piante utilizzano il CO2 presente nell’aria. Esse consumeranno rapidamente il CO2 presente nell’aria all’interno di una tenda. Una volta che il CO2 è esaurito, non saranno più in grado di fotosintetizzare e smetteranno di crescere. Idealmente, l’aria nella tenda deve essere sostituita ogni 2 minuti circa. Fare questo aiuterà anche a fare in modo che le temperature non vadano troppo in alto (vedi punto 4 sopra), soprattutto quando si usa una lampada HPS calda!

6) Non controllare i parassiti

7) pH problems

Questo problema tende a colpire più spesso gli idrocoltivatori che i coltivatori di terra. Il suolo aiuta a tamponare il pH. Tuttavia, troppo mangime o l’uso del tipo sbagliato di mangime possono portare a problemi causati dal pH sbagliato.

In un sistema idroponico, l’acqua nutriente deve essere mantenuta in un intervallo di pH compreso tra 5,5 e 6,0, con un pH ideale di 5,8. Questo permette alla pianta di ottenere tutti i diversi tipi di nutrienti di cui ha bisogno. Se il pH esce da questo intervallo, le piante non riceveranno tutti i tipi di nutrienti di cui hanno bisogno e cominceranno a soffrire di carenze. Armatevi di un pH metro e pH down e assicuratevi che la vostra acqua nutriente rimanga nel giusto range per mantenere le vostre piante sane.

Il pH ideale per il suolo va da 6,5 a 6,8. Dopo aver innaffiato le tue piante e aver raccolto un po’ di acqua nel sottovaso, usa un misuratore di pH per assicurarti che i livelli rimangano entro limiti accettabili.

8) Umidità errata

Le piante hanno bisogno di un’umidità relativa (RH) tra il 50% e il 60% durante la vegetazione e tra il 40% e il 50% durante la fioritura/fruttificazione. I livelli di umidità al di fuori di questi intervalli causeranno una crescita rallentata o la vulnerabilità alle muffe.

Usa il tuo sistema di estrazione per aiutare a mantenere l’umidità in basso, o un umidificatore per aiutare ad aumentarla. Mantenete l’UR nella giusta gamma e le vostre piante vi ringrazieranno!

9) Nessuna differenza di temperatura tra i cicli di luce e buio

Le piante non solo sentono quando fiorire da quando le luci sono accese, ma anche la differenza di temperatura tra la notte e il giorno!

Durante la fioritura, cerca di mantenere la temperatura in cima alle piante tra i 25-28C durante il periodo di accensione delle luci e assicurati che la temperatura scenda di almeno 5C quando le luci si spengono. Le vostre piante fioriranno/frutteranno più rapidamente e più abbondantemente se lo farete!

10) Non parlare con le tue piante

Ok, era un piccolo scherzo.

In realtà non vi stiamo proponendo di andare a parlare con loro di quello che è appena successo sul Tg .

Tuttavia, le piante rispondono sicuramente al tempo che passate a curarle e alle cure che date loro.

Più sono, meglio è. Amate le vostre piante e ve lo restituiranno al momento del raccolto!


Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.