Vaporizzatori : Una semplice guida per novizi

Nessun commento ancora

Vaporizzatori

Come scegliere i Vaporizzatori : Una semplice guida per i principianti

Se stai cercando di acquistare uno dei tuoi primi vaporizzatori di cannabis, le scelte che troverai da solo sul mercato possono essere schiaccianti. Per non parlare del fatto che dovrai prima sapere quali caratteristiche stai cercando per essere meglio informato su ciò che vuoi.

Poiché non c’è una risposta al migliore vaporizzatore e tutti i vaporizzatori sono diversi, ti renderai presto conto che le loro dimensioni, la portabilità, i metodi di riscaldamento, la manutenzione e il costo possono influenzare la tua decisione. Abbiamo creato questo blog per aiutarti a scegliere il vape giusto per le tue esigenze. In questa guida, imparerai cosa separa i cattivi vaporizzatori dai buoni vaporizzatori, e soprattutto, come scegliere un vaporizzatore.

Tabella dei contenuti

  1. Cosa vuoi svapare?
  2. Dove vuoi svapare?
  3. Quale metodo di riscaldamento vuoi usare?
  4. È ad alta manutenzione?
  5. Qual è il tuo budget?
  6. Conclusione

Le cose che devi considerare quando acquisti i Vaporizzatori

Prima di iniziare il nostro viaggio alla scoperta del miglior vaporizzatore per te. Devi prima prendere in considerazione queste cinque cose:

  • Cosa vuoi svapare?
  • Dove vuoi svapare?
  • Quale metodo di riscaldamento vuoi usare?
  • È ad alta manutenzione?
  • Qual è il tuo budget?

Dato che questa guida è per principianti, probabilmente non avrai le risposte a queste domande. Potrebbero anche sembrarti estranee. Non ti preoccupare, però; noi scomporremo il significato di ogni domanda nelle sezioni sottostanti, e offriremo una varietà di scelte per ogni sezione, in modo che tu possa avvicinarti all’acquisto del tuo primo vaporizzatore.

Cosa vuoi svapare?

Una delle prime domande da considerare quando si acquista un vaporizzatore di cannabis è cosa si vuole svapare. Hai due opzioni disponibili: le erbe, il fiore di cannabis, e i concentrati, che possono presentarsi in molte forme come oli, cere e hashish.

Erbe

Se preferite attenervi alle erbe, ci sono molti vaporizzatori che possono fare al caso vostro. Aspettatevi di sperimentare uno sballo più potente, però, di quello a cui siete abituati semplicemente bruciando i fiori. Quando le erbe o i fiori vengono svapati, vengono bruciati ad una temperatura più bassa che produce meno THC sprecato e un colpo più sostanzioso.

Concentrati

Con i concentrati, gli sballi che proverai sono di un altro livello. Dato che i concentrati sono proprio questo, THC concentrato in piccoli pezzi di olio o cera, si sperimenta il 99% di THC, che può far sballare chiunque con solo un paio di colpi. Quindi, se vuoi sballarti, i concentrati molto veloci sono quello che stai cercando.

Ibridi

Se non riesci a decidere tra fiori o concentrati, non c’è bisogno di farsi prendere dal panico. Ci sono molti vaporizzatori che sono ibridi, il che significa che vaporizzano sia erbe che concentrati. La cosa fondamentale da ricordare è che i vaporizzatori a base di erbe sono per un high più morbido (a seconda di quanto svapi), e i concentrati sono per un high più intenso.

Dove vuoi svapare?

La prossima domanda da porsi è: dove vuoi svapare? In viaggio? O a casa? Se hai intenzione di svapare solo a casa tua, ti suggeriamo di prendere un vaporizzatore “da tavolo”. Ma se vuoi viaggiare con il tuo vape, ti consigliamo di ottenere una penna vape.

Qui sotto puoi trovare maggiori informazioni su ciascuno.

Vaporizzatori da tavolo

Conosciuti per la loro potenza, i vaporizzatori da tavolo assomigliano a piramidi di metallo con sacchetti di plastica trasparente attaccati in cima o accoppiati con un tubo. Sono ingombranti e difficili da spostare, ma sono perfetti per le situazioni sociali perché possono vaporizzare la cannabis in modo eccezionalmente rapido e sballare una stanza piena di gente. Tuttavia, sono abbastanza costosi, quindi aspettatevi di pagare di più.

Vaporizzatori Portatile

I Vaporizzatori Portatili , invece, sono completamente portatili e possono essere usate quasi ovunque. Anche se meno potenti, i vaporizzatori portatili non sono così costose e sono disponibili in una gamma di prezzi. Sono anche più comode da usare se si considera che sono incredibilmente furtive e meno appariscenti di altri dispositivi utilizzati per sballarsi (bong, spinelli, gorgogliatori, ecc.).

Quale metodo di riscaldamento vuoi usare?

Un altro fattore essenziale da considerare quando si sceglie il primo vaporizzatore di cannabis è il metodo di riscaldamento che il dispositivo utilizza. Ci sono due metodi di riscaldamento usati nei vaporizzatori di cannabis: la conduzione e la convezione. Di seguito, parliamo delle caratteristiche di ciascuno.

Conduzione

La conduzione è stato il primo metodo usato con i vaporizzatori d’erba. Consiste in un elemento riscaldante che riscalda direttamente il contenuto, sia i concentrati che l’erba. Per questo motivo, il trasferimento di calore avviene rapidamente, e il dispositivo non impiega molto tempo per iniziare a funzionare. Tuttavia, c’è qualche rischio che l’utente inali sostanze chimiche nocive. C’è anche un riscaldamento irregolare che richiede all’utente di scuotere il contenuto per bruciarlo in modo uniforme e continuo.

Convezione

La convezione è il metodo di riscaldamento più recente nel mondo dei vaporizzatori di cannabis. Consiste nell’evaporare il contenuto della penna da svapo usando aria calda, quindi non c’è contatto con la fonte di calore. Ci sono molti vantaggi della convezione. Uno di questi è che non c’è combustione, il che significa che non viene prodotta cenere o fumo. C’è anche il fatto che, poiché il contenuto viene riscaldato in modo uniforme, crea un sapore migliore. E, infine, si ottiene un colpo più potente in quanto il THC non viene sprecato in cenere o fumo. Tuttavia, uno svantaggio della convezione è che sono più lenti a partire e lenti a riscaldarsi.

È ad alta manutenzione ?

Un’altra domanda che dovresti farti è se il vape che stai considerando è ad alta manutenzione. Mentre i vaporizzatori desktop non richiedono alcuna manutenzione, i vaporizzatori portatili e tutti i vaporizzatori portatili dovranno essere puliti e curati almeno ogni mese.

I vaporizzatori a secco hanno solo bisogno di essere puliti perché le erbe possono rimanere bloccate nei filtri dello schermo. Ma forse i vaporizzatori con la più alta manutenzione sono le penne di cera, poiché potrebbero richiedere l’acquisto di pezzi di ricambio che possono smettere di funzionare dopo un uso prolungato.

Qual è il tuo budget per i Vaporizzatori ?

Infine, la domanda da un milione di dollari (beh, in realtà molto più bassa di quella) Con quale budget stai lavorando? I vaporizzatori di cannabis vanno da 30 a 100 dollari, a seconda del tipo di vapes che sono. Come previsto, i vaporizzatori “desktop” e ibridi sono i più costosi, mentre puoi trovare i vaporizzatori di livello inferiore e meno costosi nella categoria dei vaporizzatori portatili e a penna.

Conclusione sui Vaporizzatori

Ora che sai cosa cercare in un vaporizzatore di cannabis, puoi guardarti intorno per trovare qualcosa che si adatti al tuo budget e che abbia le caratteristiche che stai cercando. Forse vuoi una penna vape ibrida a convezione, o forse un’erba da tavolo che si riscalda per conduzione; ora che hai capito le caratteristiche critiche di un vaporizzatore, sarai pronto ad acquistare il tuo primo.


Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.